Cerca nel sito

Index Sitemap

 

Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0
CSS validoHTML valido
2007 - 2017

sei in: Museo delle Migrazioni > Le Migrazioni> La Germania del Sud-Ovest nel 18° secolo

Le Migrazioni

(parte 4 di 4)

La Germania del Sud-Ovest - Paese di emigrazione nel 18° secolo

 

un caricatura del tempo: Napoleone, figlio del diavolo
un caricatura del tempo:
Napoleone, figlio del diavolo

già nell'ultimo decennio del 18° secolo l'attesa apocalittica aumen-tò sempre di più, in conseguenza degli eventi del tempo (tasse, revoluzione francese, guerre napo-leoniche, cattivi raccolti) e, da non dimenticare, per la figura di Napoleone inter-pretata come figlio del male.

La popolazione protestante del Württemberg, in particolare la popolazione rurale, si trovò in un'eccitazione e agitazione religiosa. Il pietismo era penetrato profondamente nella popolazione; a tutto ciò si aggiunse l'ampia diffusione delle idee chiliastiche1 di Johann Albrecht Bengel.

I tedeschi in Pittsburgh in Pennslyvania

Johann Georg Rapp
Johann Georg Rapp

Johann Georg Rapp (1757-1847), tessitore di lino di Iptingen presso Maulbronn in Württemberg che predisse la seconda venuta di Cristo per l'agosto del 1829, nel 1803 partì con suo figlio ed alcuni seguaci, in America per cercare il terreno per il suo insediamento.

Rapp, per la fondazione della sua colonia Harmony nelle vicinanze di Pittsburgh in Pennslyvania, comprò infine 1.640 ettari di terreno.

Già nell'anno seguente 700 dei suoi seguaci, per lo più contadini e artigiani, lasciarono il Ducato di Württemberg, dopo aver venduti i loro beni.

Per approfondimenti clicca qui Johann Georg Rapp

 

 

Se vuoi vedere la diffusione della lingua tedesca in Europa nelle diverse epoche (dal 7 °al 20 ° secolo) clicca qui sull'immagine a destra right

 

 

 

 

indietro 1 2 3 avanti

1 Chiliasmo o millenarismo; dal greco chilias: 1000; rappresenta la fede nella rinascita di Gesù Cristo e il suo regno millenario sulla terra sino alla fine della storia del mondo o alla fine di tutti i mali, del quale solo i giusti dovevano far parte. Si basano su un parte nella Apocalisse di Giovanni (Ap 1,1; 20, 1-8). Il termine è usato anche come indicazione per la credenza nella prossima fine del mondo, talvolta è collegato alla creazione di un paradiso terrestre o di un fatalismo apocalittico in connessione con un nuovo millennio.
Tracce del chiliasmo si trovano già nei primi secoli del cristianesimo. Fino al Medio Evo la gente temé di conseguenza che il passaggio da un millennio all'altro suggellasse con la rinascita di Cristo la fine del mondo stesso. La maggior parte dei riformatori protestanti rifiutarono in linea di principio il chiliasmo, ma nel 16° secolo rinacque con gli anabattisti e i taboriti. Nel 17° secolo ai movimenti protestanti di rinascita si aggiungeva il chiliasmo. Da lì si introdusse il pietismo. Oggi per esempio sono gli avventisti, i mormoni e testimoni di Geova che credono al millennio.