Cerca nel sito

Index Sitemap

 

Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0
CSS validoHTML valido
2007 - 2017

sei in: Museo delle Migrazioni > Le Migrazioni

Le Migrazioni

(parte 2 di 4)

 

Clodoveo I
Clodoveo I

lel 486 i Franchi sotto il Re Clodoveo I sconfissero i Romani in Gallia. Fino all'anno 534 i Franchi sconfissero gli Alemanni, Visigoti, Burgundi e Turingi ed alla fine dominarono gran parte dell'Europa centrale.

Nello stesso periodo gli Juti, Frisoni, Angli e Sassoni della Germania settentrionale e della Danimarca facevamo irruzione in Gran Bretagna, occupando gran parte del paese.

divider 

I Longobardi1, tribù secondaria degli Svevi, che vivevano al basso corso dell'Elba, nel 166 d. C., all'inizio delle guerre marcomanniche2, fecero irruzione nell'Impero romano e dal 485 occuparono il territorio lungo il Danubio centrale.

insediamenti dei Langobardi
insediamenti dei Langobardi

 

Intorno al 490 d. C. un gruppo si trasferì in Moravia e successivamente, all'inizio del 6° secolo, in Pannonia. Nel 568 i Longobardi, insieme ad altri gruppi etnici (Sassoni, Gepidi), invasero l'Italia settentrionale dove fondarono il regno longobardo.

divider 

 

Vichinghi
Vichinghi

Dall’8° al 10° secolo, con le invasione vichinghe3, in Europa le migrazioni dei popoli si spensero.

In Europa centro-orientale, a causa delle migrazioni germaniche, si era innescata una migrazione delle tribù slave verso occidente che portò all'espansione degli insediamenti slavi fino all'Elba. Ebbe inizio la Ostsiedlung tedesca.

popoli intorno all'anno 900

 

 

indietro 1 2 3 4 avanti

1 Longobardi ("lunghe barbe") = tribù germanica dell'Elba (tribù secondaria degli Svevi) che intorno alla nascita di Cristo viveva lungo il corso inferiore dell'Elba. Dopo migrazioni e campagne militari nel settentrione e nell’est dell’odierna Germania, occuparono intorno al 490 il territorio a nord di Norico. Nel 488 i Longobardi vengono menzionati per la prima volta nel territori dei Rugi (Bassa Austria). Nel 508/509 sconfissero gli Eruli e presero il loro Regno sulla Morava nel sud della odierna Slovacchia. Nel 6° secolo estesero il loro Regno alla Pannonia fino alla Sava; nel 567 distrussero il Regno dei Gepidi nella odierna Transilvania e nel 568, sotto Re Alboino, fecero irruzione nell'Italia bizantina.
Il Regno Longobardo, con capitale Pavia, comprendeva l'Italia settentrionale e parti del centro e del sud dell'Italia. Carlo Magno, Re dei Franchi, nel 774 conquistò Pavia e si fece incoronare Re dei Longobardi. Nel 951 il territorio dei Longobardi venne inglobato da Ottone I, Re del “Regnum Francorum orientalium”, nel Sacro Romano Impero della Nazione Germanica. I ducati di Benevento, Capua e Salerno rimasero indipendenti fino all’11° secolo, quando caddero sotto il dominio dei Normanni ("uomini del nord" proveniente dalla Norvegia).

2 Marcomanni (Mark = confine, Mann = uomo; "uomini che vivono sul confine") = una grande tribù germanica, appartenente al gruppo dei Suebi; probabilmente all'inizio del 1° secolo a.C. vennero espulsi dal fiume Elba e si stabilirono poi sul Meno, nella odierna Franconia, dove cacciarono i Celti che vivevano lì. Al tempo di Cesare si trovavano nella parte nord-orientale del Regno di Baviera. Nel 9 a.C. vennero sconfitti dai Romani e si mossero insieme ai Quadi, sotto la guida di Re Maroboduo, in Boemia, nella terra dei Boi (una tribù celtica in Gallia che introno al 400 a.C. fece irruzione nel nord Italia (capitale Bononia, ora Bologna), a nord del Danubio dove Maroboduo fondò in alleanza con altre tribù germaniche un grande Impero germanico che dall'imperatore romano Augusto venne percepito come una potenziale minaccia per Roma.
Nel 19 i Marcomanni caddero sotto l'influenza romana e per 30 anni furono uno Stato satellite romano. La pressione di altre tribù germaniche, i cambiamenti sociali ed economici e la debolezza dell'Impero Romano portarono alle guerre marcomanniche che, con interruzioni, durarono dal 166 al 180 d.C..
Nel 433 i Marcomanni che vivevano in Pannonia caddero sotto il dominio degli Unni. Nel 6° secolo emigrarono in Baviera e il loro nome si perse gradualmente. Da allora apparvero sotto il nome di Bavieri, un nome che avevano portato dalla loro patria boema, secondo la quale veivano chiamati Vaiwarier, vale a dire gli abitanti di Baiheim (Boemia).

3 Con il termine Vichinghi si denotano solitamente quegli esploratori, commercianti e guerrieri norreni, originari della Norvegia, che a bordo di navi fecero scorrerie sulle coste delle isole britanniche, della Francia e di altre parti d'Europa fra la fine dell'8° e del'9° secolo.